Le Grandi dimissioni

25 Gennaio 2024 | Global Sisterhood

Abbiamo sempre creduto, o forse è meglio dire che ci hanno fatto credere, che il lavoro sia un elemento essenziale per il nostro benessere psico-fisico. È, infatti, anche attraverso la professione che ci costruiamo un’identità e un ruolo sociale.

Negli ultimi anni però, un po’ in tutto il mondo, sempre più persone hanno inoltrato le dimissioni per sfuggire a condizioni di sfruttamento divenute sempre più inaccettabili e ad ambienti professionali spesso nocivi, iniqui, violenti e tossici.

Ma quali sono le ragioni profonde di questo fenomeno? Cosa spinge lavoratori e lavoratrici a lasciare il proprio posto di lavoro senza per forza avere un’alternativa migliore? Quali sono le implicazioni di una scelta di vita come questa? Esiste una dimensione di genere e una prospettiva femminista che permette di comprendere e contestualizzare il fenomeno delle “Grandi dimissioni”?

Di questo parleremo con Francesca Coin, sociologa e docente universitaria, autrice del libro Le grandi dimissioni. Il nuovo rifiuto del lavoro e il tempo di riprenderci la vita, pubblicato da Einaudi nel 2023.

La serata di discussione si inserisce nel percorso di riflessione e analisi del lavoro delle donne che il Collettivo Io l8 ogni giorno ha promosso negli ultimi mesi. Percorso che ha visto intervenire le studiose e militanti femministe Danielle Axelroud, Kate Lindley, Leopoldina Fortunati e Silvia Federici, sul tema del lavoro non remunerato e di cura delle donne. Chiara Diavoli e Valeria Traditi, autrici del libro “Il lavoro diseguale“, ci hanno parlato del tema delle disuguaglianze presenti nel mondo del lavoro salariato tra uomini e donne e Sara Farris, professoressa di sociologia alla Goldsmith University di Londra che ha approfondito la relazione tra classe, genere e femminismo.

Nel suo libro Francesca Coin offre un’analisi approfondita del fenomeno delle dimissioni volontarie, attraverso molte testimonianze di lavoratori e lavoratrici, fornendo uno spaccato impressionante sulla realtà delle condizioni di lavoro attuali. Le grandi dimissioni diventano infatti una risposta ad un mondo del lavoro sempre meno gratificante, a condizioni di sfruttamento insopportabili e ambienti lavorativi malsani. In un’ottica di genere si pone qui l’annosa questione del lavoro come elemento di emancipazione per le donne o come elemento di ulteriore sfruttamento e sottomissione. 
L’evento sarà quindi un’opportunità per discutere delle dinamiche di genere in relazione alle grandi dimissioni e per esplorare il ruolo del lavoro nella costruzione dell’identità sociale e personale.

L’appuntamento è per venerdì 2 febbraio presso la Sala E del Palazzo Congressi a Lugano.
 
Dopo il dibattito, sarà possibile continuare la discussione in modo informale con un aperitivo. 

Forse potrebbe interessarti

Lettera aperta alla direttrice della SEM

Lettera aperta alla direttrice della SEM

Svizzera, 14 giugno 2023 Lettera aperta a Christine Schraner Burgener, Direttrice della Segreteria di Stato per la Migrazione Buongiorno signora Schraner Burgener, oggi, 14 giugno, è la giornata dello sciopero femminista in Svizzera. Migliaia di donne scenderanno in...

La lezione delle donne iraniane

La lezione delle donne iraniane

Mentre in Iran proseguono le esecuzioni capitali, ieri a Zurigo si è svolta una manifestazione a sostegno delle proteste in Iran, un’azione che ha visto la partecipazione di 3'000 persone.  Il collettivo Io l’8 ogni giorno segue da mesi con attenzione e...

La voce della rivoluzione

La voce della rivoluzione

Qui di seguito riportiamo la traduzione in italiano del testo letto da S. durante il presidio di solidarietà con le donne e il movimento di protesta in Iran organizzato a Lugano dal collettivo Io l’8 ogni giorno in collaborazione con la comunità Iraniana in Ticino....