Consenso? Solo Sì è Sì!

14 Ottobre 2022 | Lottiamo ogni giorno

Il collettivo femminista Io l’8 ogni giorno sostiene e diffonde la petizione promossa da Amnesty per una definizione del consenso nel codice penale che si basi sul concetto: “solo sì è sì”. Firmatela subito anche voi! 


Il Parlamento sta attualmente discutendo una nuova definizione di stupro nel codice penale. Per noi è chiaro: unicamente la soluzione “solo il sì è sì”, basata sul consenso di tutte le persone coinvolte, può proteggere sufficientemente l’autodeterminazione sessuale.

La soluzione “no significa no”, invece, si basa sul rifiuto delle vittime e non tiene conto della realtà di chi ha subito violenza sessuale.

Chiediamo quindi una riforma moderna e basata sul consenso e invitiamo il Parlamento svizzero a votare a favore della soluzione “Solo un sì è un sì” nel diritto penale sessuale.

Le nostre richieste:

– L’assenza di consenso deve essere al centro della definizione legale di stupro e di altre forme di violenza sessuale.

– La legge deve rendere punibili tutti gli atti sessuali non consensuali. Il consenso deve essere dato liberamente e in modo informato per ogni atto sessuale. Il rifiuto di atti sessuali da parte della vittima non deve essere richiesto.

– La definizione di stupro, di cui all’articolo 190, dovrebbe essere formulata in modo neutro rispetto al genere e includere esplicitamente qualsiasi penetrazione non consensuale, vaginale, anale o orale, nel corpo di un’altra persona con una parte del corpo o un oggetto.

14 paesi europei hanno già adottato una definizione di stupro secondo il principio “Solo un sì è un sì”!

Tuttavia, il Parlamento svizzero sta discutendo la soluzione “No significa no”. Questo modello è problematico: le vittime spesso non sono in grado di dire di no per paura o per lo shock. E non dovrebbero essere costrette a proteggersi da sole dalla violenza sessuale!

La Svizzera deve ora cogliere l’opportunità di seguire la tendenza europea e rispondere alle aspettative della popolazione: il diritto penale sessuale svizzero deve essere modernizzato secondo la soluzione #SoloSì!

Come Garantire il consenso?

L’idea del consenso è semplice: in qualsiasi relazione sessuale, dobbiamo assicurarci che anche il nostro partner voglia fare sesso con noi. Ciò significa semplicemente che dobbiamo comunicare verbalmente e/o non verbalmente con il nostro partner e assicurarci che tutti gli atti sessuali che compiamo siano basati sul consenso reciproco. Ecco cinque caratteristiche essenziali del consenso:

LIBERTÀ 

Tutte le persone coinvolte hanno la libertà di esprimere un “sì” o un “no”. Il consenso non può essere ottenuto con pressioni, violenza o manipolazione.

RIPENSAMENTO

Chiunque può cambiare idea in qualsiasi momento, anche se ha dato il proprio consenso in precedenza.

INFORMARSI

Tutte le persone coinvolte devono sapere esattamente a cosa stanno acconsentendo in ogni atto.

ENTUSIASMARSI

Durante il sesso, ognuno dovrebbe fare solo ciò che vuole, senza alcuna pressione o obbligo.

SPECIFICARE

Tutti gli atti sessuali richiedono il consenso. Dire sì a un atto (ad esempio, andare in camera da letto e baciarsi) non significa aver detto sì a un altro atto (ad esempio, fare sesso).

Forse potrebbe interessarti

Le affermazioni del Consigliere sono gravi

Le affermazioni del Consigliere sono gravi

In occasione del dibattito parlamentare sul caso dell’ex direttore di Lugano arrestato per atti sessuali con fanciulli, hanno suscitato sdegno e sconcerto le parole del Consigliere di Stato Manuele Bertoli che ha qualificato tale reato come “grave, ma quanto meno non...

Fortunate o non così tanto

Fortunate o non così tanto

Le donne che lavorano per il Comune di Lugano guadagnano veramente di più dei loro colleghi? Pochi giorni fa il Municipio di Lugano ha presentato un comunicato stampa informando che, da un’analisi commissionata (?), è emersa una differenza salariale del 0.9% in favore...

AVS: un duro attacco ai diritti delle donne

AVS: un duro attacco ai diritti delle donne

Il collettivo femminista Io l’8 ogni giorno esprime tutta la sua rabbia e indignazione per il risultato della votazione su AVS21, un risultato che avrà pesanti conseguenze sulla vita delle donne e in particolare delle lavoratrici dei settori meno valorizzati...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: