Presidio di solidarietà con le donne e il movimento di protesta in Iran

29 Settembre 2022 | Global Sisterhood

Sabato 1 ottobre alle 16.30 in Piazza Indipendenza a Lugano

Il collettivo femminista Io l’8 ogni giorno invita tutte e tutti a un presidio di solidarietà con le donne iraniane e con il movimento di protesta che in questi giorni è sceso in strada in Iran per denunciare un regime che sistematicamente viola i diritti umani, la libertà di espressione, i diritti delle donne e di altre minoranze oppresse.

L’uccisione di Mahsa Amini, ventiduenne curda-iraniana, da parte della polizia morale lo scorso 16 settembre perché non rispettava il rigido codice di abbigliamento della Repubblica islamica, ha portato alla luce, agli occhi del mondo intero, la condizione di oppressione delle donne nel sistema patriarcale iraniano.

Questa cruenta uccisione ha scatenato proteste in tutto il paese. Migliaia di donne sono scese in piazza e hanno sfilato il velo, scandendo lo slogan “Donna, vita, libertà”. Il movimento di protesta di questi giorni è il più importante che ha conosciuto l’Iran dalla rivoluzione del  1979. Al centro delle manifestazioni non vi è solo la rivendicazione di libertà delle donne rispetto al severo codice di abbigliamento, ma anche la denuncia di un sistema di discriminazione che colpisce le donne in più ambiti della loro vita: dal difficile accesso al divorzio al minore valore giuridico riconosciuto nei tribunali alle donne rispetto agli uomini.

Il movimento di protesta sta subendo una feroce repressione, di dimensioni ancora maggiori di quello che traspare nei media occidentali: decine di manifestanti uccisi/e e migliaia di persone arrestate. Ciononostante la mobilitazione continua a crescere, estendendosi a tutto il paese e coinvolgendo anche altre minoranze oppresse dal regime.

Come collettivo esprimiamo la nostra solidarietà e vicinanza con le coraggiose donne che sfidano il regime e che si battono per l’emancipazione e la giustizia sociale. 

Donne Vita Libertà

Per Mahsa Amini e per il diritto di autodeterminazione delle donne e dei popoli che abitano l’Iran!

Forse potrebbe interessarti

La voce della rivoluzione

La voce della rivoluzione

Qui di seguito riportiamo la traduzione in italiano del testo letto da S. durante il presidio di solidarietà con le donne e il movimento di protesta in Iran organizzato a Lugano dal collettivo Io l’8 ogni giorno in collaborazione con la comunità Iraniana in Ticino....

Il diritto di resistere: il Manifesto delle femministe ucraine

Il diritto di resistere: il Manifesto delle femministe ucraine

Noi, femministe dell'Ucraina, chiediamo alle femministe di tutto il mondo di schierarsi in solidarietà con il movimento di resistenza del popolo ucraino contro la guerra predatoria e imperialista scatenata dalla Federazione Russa. Le narrazioni di guerra spesso...

Indietro non si torna

Indietro non si torna

Di Erika Zippilli Chi come me era bambina negli anni Cinquanta, ricorda un tempo in cui gli uomini - quelli che vivevano nelle nostre case - non parlavano di aborto. Era un fatto di donne, di cui preferivano non impicciarsi. Insomma, lasciavano fare. Poi hanno preso...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: