AVS: un duro attacco ai diritti delle donne

26 Settembre 2022 | Lottiamo ogni giorno

Il collettivo femminista Io l’8 ogni giorno esprime tutta la sua rabbia e indignazione per il risultato della votazione su AVS21, un risultato che avrà pesanti conseguenze sulla vita delle donne e in particolare delle lavoratrici dei settori meno valorizzati e meno retribuiti. Lo scarto così ridotto tra il fronte del sì e quello del no dimostra tuttavia come un’ampia porzione della popolazione non è disposta ad accettare nuovi attacchi ai diritti delle donne e, più in generale, delle lavoratrici e dei lavoratori. La prospettiva dell’innalzamento per tutte e tutti a 67 anni dell’età di pensionamento dovrà dunque essere per un po’ accantonata.
Anche la netta vittoria dei referendisti nei cantoni romandi e in Ticino, così come i risultati positivi di alcune grandi città della Svizzera tedesca, lancia un segnale chiaro: il rifiuto di AVS21 ha prevalso in tutte quelle regioni e quelle città in cui più forte è stata negli ultimi anni la mobilitazione femminista.
Riteniamo, dunque, che sia importante riprendere la nostra lotta e ricostruire un movimento che, come nel 2019, sia in grado di imporsi nelle strade, nelle piazze, nei nostri luoghi di lavoro e di vita per rivendicare migliori condizioni di vita, la nostra autodeterminazione e i nostri diritti inalienabili.

La condizione e i diritti delle donne sono sempre più minacciati!

La pandemia prima e la crisi economica e sociale poi hanno pesanti conseguenze sulla vita di noi tutte.

I nostri salari sono sempre più bassi di quelli degli uomini, le nostre condizioni di lavoro sono più precarie e meno garantite, il lavoro di cura e di riproduzione sociale che svolgiamo gratuitamente nelle nostre case o con salari miseri nei servizi sanitari e sociali non viene né riconosciuto né valorizzato in modo adeguato. L’inverno che ci aspetta sarà inevitabilmente molto difficile, la crisi energetica e l’aumento dei prezzi comporteranno un aumento della vulnerabilità e della povertà andando a colpire chi già oggi è maggiormente penalizzato e impoverito e quindi ancora una volta noi donne.

Oltre all’attacco ai diritti economici e sociali subiamo un attacco ai nostri diritti civili e democratici. 

Stiamo assistendo al ritorno prepotente di una cultura maschilista e omofoba che nega il diritto all’autodeterminazione dei nostri corpi. Una cultura che spesso si traduce in atti di violenza indiscriminati sulle donne: gli episodi di violenza, anche efferata, o di molestie sono purtroppo all’ordine del giorno. Una violenza che è strutturale e funzionale al mantenimento di un sistema sociale basato sulla discriminazione e sullo sfruttamento delle donne. 

A tutto questo si aggiunge la guerra in corso alle porte del nostro paese, una guerra che si combatte anche sui corpi delle donne.

Tutti questi motivi ci portano a voler ricostruire un importante movimento femminista anche in vista del prossimo sciopero delle donne previsto per il 14 giugno 2023. 

Pensiamo che sia urgente incontrarsi e discutere per iniziare ad organizzare insieme la mobilitazione del prossimo anno e il cammino verso il nuovo sciopero femminista.

Per questo invitiamo tutte le donne interessate a una riunione che si terrà 

Giovedì 20 ottobre alle ore 20.00

Allo spazio Ado di Besso

Il collettivo Io l‘8 ogni giorno, inoltre, parteciperà questo mercoledì 28 settembre alle 17.30 a Bellinzona alla manifestazione contro i tagli pensionistici dell’IPCT, solidali con le salariate e i salariati toccati dai tagli e per ribadire la nostra rabbia verso AVS21 e chi l’ha promossa!


Collettivo femminista Io l’8 ogni giorno

Forse potrebbe interessarti

Di cosa stiamo parlando?

Di cosa stiamo parlando?

La libertà di espressione non è omofoba, razzista o escludente  Nelle ultime settimane in Ticino si è parlato molto di questioni legate al genere e all’orientamento sessuale. È ormai evidente come anche in questo cantone la questione sia diventata uno dei cavalli...

Intolleranza e bigottismo al cinema Lux di Massagno? No grazie!

Intolleranza e bigottismo al cinema Lux di Massagno? No grazie!

Riceviamo e pubblichiamo la lettera (non firmata) che sta girando sui social in cui si chiede l’annullamento di una serata con tema “ideologia gender” (sic!) prevista al cinema Lux di Massagno martedì prossimo. Come collettivo Io l’8 ogni giorno sosteniamo i contenuti...

Parlare di genere a scuola

Parlare di genere a scuola

Alla vigilia della ripresa dell’anno scolastico, quasi fosse una tradizione della destra reazionaria, impazza la (sterile) polemica sulla nuova agenda scolastica per le scuole medie e per la quinta elementare. La “grande Lugano” ha annunciato che non distribuirà il...