La statua dedicata ad Alfonsina Storni a Sala Capriasca

21 Aprile 2022 | Lottiamo ogni giorno, Storie di donne

Ancora una volta una donna intellettuale e grande poetessa viene ricordata e rappresentata con il torso nudo. In questo modo sono messi in evidenza i seni scoperti, che nella nostra società sono un chiaro simbolo della sessualità femminile. Pare lecito chiedersi se si sia mai visto un poeta o un intellettuale uomo rappresentato nudo? E perché invece una donna dovrebbe esserlo? 

Difficile immaginare che Alfonsina Storni – nata a Sala Capriasca nel 1892 ed emigrata in Argentina all’età di quattro anni – si sarebbe presentata in un paesino quasi sconosciuto tra gente estranea a torso nudo. Proprio lei che aveva combattuto le sue guerre anche a colpi di poesia contro il trattamento ingiusto, sia in ambito fisico sia intellettuale, subito dalle donne e si era rivoltata contro la doppia morale. 

In questo modo non si rispetta certamente il corpo delle donne e nemmeno il loro valore intellettuale, piuttosto le si riduce ancora a meri oggetti sessuali. 

La scultrice sicuramente crede che chi si suicida sia sempre in uno stato di angosciosa disperazione,  vista l’espressione scolpita sulla faccia della poetessa, come appunto se fosse senza speranza. Questa ipotesi, secondo l’esperienza professionale di chi scrive, non è adeguata e non vale sicuramente per tutte le persone: liberarsi dal dolore fisico e/o psichico può essere un atto di sollievo per molte. È molto più probabile che Alfonsina Storni, entrando in mare, non fosse disperata, forse non era felice, ma sicuramente era sicura di sé e della sua decisione, degna di una morte scelta senza grida o lacrime.

Ecco l’ultima strofa della sua ultima poesia, dove ci si accorge la leggerezza che dà al momento:

“ perché tu scordi, … grazie. Ah, ti prego:
se lui chiama ancora per telefono, 
digli che non insista, sono uscita ….”

Inoltre è difficile pensare che prima di entrare in mare si sia tolta i vestiti e li abbia lasciati lì sulla spiaggia,  anzi quasi certamente vi sarà entrata con i suoi abiti migliori. 

Con una sua poesia descrive se stessa in fondo al mare ed è così che ci piace ricordarla: contenta e tranquilla.

Io in fondo al mare
“In fondo al mare                                                                                 
c’è una casa                                                                                           
di cristallo.                                                                                              

Dà                                                                                                              
su un viale                                                                                                
di madrepore.                                                                                          .

Un gran pesce d’oro
Alle cinque
mi viene a salutare.

Dormo in un letto
Un po’ più azzurro
Del mare.

Un polipo
mi ammicca
attraverso il cristallo

Nel bosco verde
che mi circonda
- din don … din dan –

si dondolano e cantano
le sirene
in madreperla verdemare.

E sopra la mia testa
ardono, nel crepuscolo, 
le irte creste del mare. 
(1934)




Alfonsina Stori (Sala Capriasca, Svizzera 1892 – Mar de Palta, Argentina 1938) nasce in Ticino ma emigra molto piccola con la famiglia in Argentina, dove ancora oggi è considerata una figura leggendaria e una delle più importanti poetesse del Sud America.  Espatriata, madre nubile, militante socialista, assurge presto alla fama di poetessa e scrittrice ribelle. Malata di cancro, si suicida a Mar de Plata nel 1938. 

Forse potrebbe interessarti

Le affermazioni del Consigliere sono gravi

Le affermazioni del Consigliere sono gravi

In occasione del dibattito parlamentare sul caso dell’ex direttore di Lugano arrestato per atti sessuali con fanciulli, hanno suscitato sdegno e sconcerto le parole del Consigliere di Stato Manuele Bertoli che ha qualificato tale reato come “grave, ma quanto meno non...

Consenso? Solo Sì è Sì!

Consenso? Solo Sì è Sì!

Il collettivo femminista Io l’8 ogni giorno sostiene e diffonde la petizione promossa da Amnesty per una definizione del consenso nel codice penale che si basi sul concetto: “solo sì è sì”. Firmatela subito anche voi!  Il Parlamento sta attualmente discutendo una...

Fortunate o non così tanto

Fortunate o non così tanto

Le donne che lavorano per il Comune di Lugano guadagnano veramente di più dei loro colleghi? Pochi giorni fa il Municipio di Lugano ha presentato un comunicato stampa informando che, da un’analisi commissionata (?), è emersa una differenza salariale del 0.9% in favore...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: