Manifestazione nazionale contro AVS21

9 Settembre 2021 | La piazza si conquista, sciopero femminista!, Lottiamo ogni giorno

Sabato 18 settembre saremo a Berna per dimostrare la nostra rabbia e affermare la nostra opposizione al progetto AVS 21, che vuole aumentare l’età di pensionamento delle donne*.

La maggioranza del parlamento ignora la nostra voce, lo abbiamo detto più e più volte: 65 ANNI È SEMPRE NO! Perché AVS 21 è una farsa: come si può parlare di uguaglianza quando per tutta la vita subiamo discriminazioni nel mondo del lavoro e in famiglia?

  •  I nostri stipendi sono più bassi perché i lavori femminili sono sottovalutati, anche se sono essenziali per il funzionamento della società e dell’economia, come tutti  e tutte hanno visto durante la pandemia. La disparità salariale si traduce in un’enorme perdita di guadagno per le donne*: nel 2018, prendendo in considerazione solo il divario salariale inspiegabile di 8’200 franchi all’anno, le donne* hanno perso quasi 13 miliardi di franchi. Inoltre, nel 2016 le donne* hanno svolto 5’700 milioni di ore di lavoro non retribuito, che corrispondono a un valore monetario di 244 miliardi di franchi. E con il pretesto dell’uguaglianza, il parlamento vuole risparmiare altri 10 miliardi di franchi facendoci lavorare un anno in più? UNA VERA TRUFFA!
  • Il nostro tempo di lavoro retribuito è ridotto perché svolgiamo la maggior parte del lavoro domestico, educativo e di cura. Questo lavoro non pagato non si ferma quando si va in pensione, poiché i nonni e le nonne costituiscono il più grande centro di assistenza all’infanzia in Svizzera: il valore monetario di questo lavoro è stimato in 8 miliardi di franchi. Le nonne svolgono 113 milioni di ore di assistenza all’infanzia ogni anno e forniscono il 70% di questo lavoro. E ci dicono che le anziane sono costose e che non pensano alle generazioni future? UNA VERGOGNA!
  • Le nostre rendite pensionistiche sono in media del 37% più basse di quelle degli uomini. Dato che la rendita media dell’AVS è di soli 1860 franchi al mese e un terzo delle donne* in pensione non ha un secondo pilastro, molte pensionate hanno difficoltà ad arrivare a fine mese. Non è un caso che la maggioranza dei beneficiari di prestazioni complementari siano donne*: il 15% delle pensionate ha bisogno di prestazioni complementari per vivere, contro il 10% degli uomini. E il parlamento vuole farci credere che l’uguaglianza significa lavorare fino a 65 anni? UN’IDIOZIA!
  • Per quelle tra di noi che hanno più di 50 anni, mantenere un lavoro non è facile. Poche di noi finiscono la loro carriera a 64 anni con un impiego stabile e molte sono disoccupate, disoccupate di lungo corso o beneficiano dell’assistenza sociale. Il 17% delle donne* sono sottoccupate o disoccupate, quasi il doppio rispetto agli uomini. Qual è la logica di farci lavorare per un altro anno mentre molte persone in età lavorativa sono disoccupate? CHE RABBIA!
  • Le finanze dell’AVS non sono in pericolo: nel 2020, l’utile di gestone dell’AVS è stato di 1,9 miliardi di franchi. Garantire l’uguaglianza e migliorare i salari delle donne* sarebbe sufficiente per aumentare i contributi dell’AVS. La BNS potrebbe anche finanziare maggiormente l’AVS. Non dobbiamo essere noi a pagare! #65annisempreNO

Noi non vogliamo questa riforma!

L’AVS 21 avrà un impatto maggiore sulle donne* che hanno le condizioni di lavoro più difficili e i salari più bassi. Loro non potranno “scegliere” un pensionamento anticipato. Le cosiddette “compensazioni” sono solo un’alibi, perché solo la generazione molto vicina all’età della pensione potrà beneficiarne! AVS 21 è solo un antipasto: la destra vuole obbligare tutti a lavorare fino a 67 anni, come chiede l’iniziativa dei Giovani Liberali. Rifiutare AVS 21 significa porre fine a questo progetto neoliberale che vuole costringere chi ha un reddito medio o modesto a lavorare più a lungo. Quello che vogliamo è rinforzare l’AVS, che è il sistema pensionistico più egualitario, solidale e sostenibile.

!!! Lavoro fino alla tomba: No – Insieme a Berna il 18 settembre!!!

* tutte le persone che non si riconoscono in un uomo cisgender.


Vieni con noi a Berna!

Vi chiediamo di iscrivervi al più presto compilando il nostro formulario oppure inviandoci una mail al nostro indirizzo info@iolotto.ch, indicando Nome, Cognome, N° cellulare, quanto paghi e la fermata a cui sali.

Forse potrebbe interessarti

Appello per il 14 giugno 2024 – Insieme per una società femminista

Appello per il 14 giugno 2024 – Insieme per una società femminista

A cinque anni dal secondo grande sciopero femminista in Svizzera, che ha visto scendere in piazza più di mezzo milione di donne e persone solidali, le ragioni per continuare la mobilitazione sono ancora numerose ed attuali. Vogliamo quindi ancora una volta scendere in...

25 novembre: insieme contro le violenze sessiste

25 novembre: insieme contro le violenze sessiste

Una violenza contro la nostra emancipazione Negli ultimi anni il movimento femminista è sempre più spesso sceso in strada per far sentire la sua voce contro il sessismo, le discriminazioni e la violenza machista in tutte le sue forme. Questa nuova ondata di...

Per la pace in Medio Oriente

Per la pace in Medio Oriente

Il collettivo femminista Io l’8 ogni giorno segue con profonda apprensione e preoccupazione quello che sta succedendo in Medio Oriente e condanna indistintamente tutte le forme di violenza perpetrate ai danni della popolazione civile. Parimenti segue con apprensione...