Contro la repressione, un sorriso e una canzone

9 Marzo 2021 | La piazza si conquista, sciopero femminista!, Lottiamo ogni giorno

Il collettivo iolotto ogni giorno esprime tutta la sua indignazione e rabbia per quanto accaduto durante la manifestazione dell’8 marzo a Lugano “contro il patriarcato, il razzismo e l’islamofobia” organizzata dal CSOA il Molino. 

Una manifestazione che si svolgeva nella giornata internazionale della donna che ha visto mobilitarsi e sfilare migliaia di donne e uomini in tutto il mondo.

Di fronte a una cinquantina di manifestanti la città di Lugano ha schierato decine di poliziotti in tenuta antisommossa, con l’intento evidente di provocare e arrivare alla situazione di disordini che poi si è puntualmente verificata. 

Appare chiaramente come l’obiettivo di questa repressione e aggressione nei confronti di giovani uomini e donne avesse come unico scopo quello di delegittimare l’esperienza dell’autogestione  presente in città dal 1996. 

Del resto le dichiarazioni del sindaco Borradori e del municipale luganese Bertini non lasciano dubbi.

Già nella stessa serata di lunedì tutti si sono affrettati a sostenere che era giunto il momento di chiudere definitivamente la questione della presenza dei molinari all’ex Macello, tacciati di essere facinorosi e provocatori. In pochi minuti si è voluto quindi cancellare con un colpo di manganello un’esperienza che caratterizza la città da ormai venticinque anni e che rappresenta un luogo di aggregazione, di cultura alternativa e di solidarietà.

Quanto successo a Lugano è solo un esempio di come nel nostro paese il diritto di manifestare sia ancora tutto da conquistare. Sabato scorso a Zurigo una manifestazione femminista totalmente pacifica è stata violentemente caricata e poi dispersa senza nessuna motivazione dalla polizia presente in forze

Una situazione inaccettabile e che va combattuta rivendicando con convinzione il diritto di manifestare di tutti e tutte, senza dover temere la repressione della polizia. 

Forse potrebbe interessarti

Le affermazioni del Consigliere sono gravi

Le affermazioni del Consigliere sono gravi

In occasione del dibattito parlamentare sul caso dell’ex direttore di Lugano arrestato per atti sessuali con fanciulli, hanno suscitato sdegno e sconcerto le parole del Consigliere di Stato Manuele Bertoli che ha qualificato tale reato come “grave, ma quanto meno non...

#Pillola 3: 14 giugno 2023 sciopero perché…

#Pillola 3: 14 giugno 2023 sciopero perché…

...Pretendere che una persona esprima chiaramente la sua volontà di non partecipare a un atto sessuale presuppone che tutte siamo sempre disponibili e interessate a compiere qualsiasi atto sessuale con chiunque. Ossia che – senza espressione di una volontà contraria –...

#Pillola 2: 14 giugno 2023 Sciopero perché…

#Pillola 2: 14 giugno 2023 Sciopero perché…

... Non voglio più sentire frasi come "Quella maglietta ti fa proprio sembrare una troia" o "Adoro questi jeans, ti fanno un superculo" oppure "Con delle tette così nessuno ti avrà mai guardata in faccia". Manifestare il 14 giugno è dire basta all'oggettivazione del...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: