Le chicchere di Ida

26 Aprile 2018 | Storie di donne

Una donna si esprime e sempre c’è qualcuno in grado di dirle se sia stata abbastanza femminista, libera o appropriata. Ognuno deve potere parlare per sé e non esistono persone giuste o sbagliate, la democrazia e la libertà che ne deriva si formano nel dialogo, nel confronto. E per confrontarsi occorre considerarsi uguali e pensare che anche l’altra persona a volte se ne sta sola e triste a bere caffé alle cinque di mattina. Ognuno sta al mondo come puo’ e non c’è altra soluzione se non passarsi le informazioni che abbiamo diligentemente raccolto sulla nostra condizione particolare per disinnescare i meccanismi che ci portano a subire quello che non vorremmo subire.

Forse potrebbe interessarti

Storia di una velata minaccia

Storia di una velata minaccia

Parte prima – LEI è una dura Torno a casa dopo una giornata di intenso lavoro. Combatto burocrati tutto il giorno, e vi assicuro che alle volte è estenuante. Bè quel giorno, saranno state le 17-17.30, vedo subito che LEI, la mia amica e vicina di casa, ha qualcosa....

La statua dedicata ad Alfonsina Storni a Sala Capriasca

La statua dedicata ad Alfonsina Storni a Sala Capriasca

Ancora una volta una donna intellettuale e grande poetessa viene ricordata e rappresentata con il torso nudo. In questo modo sono messi in evidenza i seni scoperti, che nella nostra società sono un chiaro simbolo della sessualità femminile. Pare lecito chiedersi se si...

Si sta bene in via …

Si sta bene in via …

“Ciao, tutto bene? F...”. È stato questo il primo di una lunga serie di messaggi email che ho ricevuto per diversi mesi. Quando l’ho letto, ho subito cominciato a pensare a quante persone conoscessi con questo nome, ex colleghi, vecchi compagni di scuola o persone...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: